DIRTMAGPLUS CALEFFI_ Come il medico vi parlerebbe di colesterolo, diabete e cura per le pareti dei vostri vasi sanguigni, il termotecnico, a sua volta, dimostrerebbe  l'importanza della pulizia del fluido termovettore (acqua) all'interno delle vostri rami d'impianto e della relativa salvaguardia di generatori, valvole e pompe. Perdonatemi l'accostamento forzoso, ma la non perfetta integrità di un impianto, se non toccherà direttamente la vostra salute, inficerà pesantemente sulle vostre tasche. Il prodotto oggi in vetrina, sulla scorta di quanto detto, permette all'utente finale un monitoraggio costante dell'impianto, attraverso elementari pratiche di controllo e manutenzione. Procediamo con ordine: cosa rintracciamo in una portata d'acqua? Sali depositati, polveri di ferro, magnetite, aria e depositi di varia natura dovuti alle lavorazioni. Ognuno di questi componenti sviluppa criticità nelle varie sedi costituenti l'impianto. Dell'aria vi parlerò in seguito, in una opportuna comunicazione. Pongo oggi l'accento sulla magnetite; infatti, laddove dovesse concentrarsi in banchi, provocherebbe una consistente caduta dei rendimenti delle pompe, attaccandosi sui rotori. Nel caso di mancata manutenzione degli stessi, inoltre, si giungerebbe a fenomeni di grippaggio e blocco. La stessa magnetite si deposita anche negli elementi radianti, nelle valvole e sulle pareti dei tubi, generando alterazioni delle prestazioni, cadute di pressione, malfunzionamenti meccanici degli otturatori e difficoltà nella circolazione. L'importanza di un defangatore, organo preposto al settaggio di tali sospensioni solide, vi apparirà ora evidente. Magnete e filtro a setaccio ostacoleranno il passaggio a  buona parte delle impurità le quali, attraverso una apposita rotella e sollevando il tappo di chiusura, saranno espulse periodicamente dall'impianto.

In questo video comprenderete la logica costruttiva ed il suo funzionamento. Saremo a vostra disposizione per ogni altra informazione sul prodotto.

Grazie per l'attenzione_

 

Login