Il decreto legislativo 28/2011 introduce un complesso corpo di norme, incentivi e strumenti atti alla realizzazione degli obiettivi 2020 (17% di energia da produrre con rinnovabili), per il contenimento delle emissioni in ambiente e la produzione di energia da rinnovabili, soppiantando gradualmente i combustibili fossili. Da maggio 2012 all'interno di nuove costruzioni, parimenti ristrutturazioni rilevanti, si dovrà produrre da fonti rinnovabili il 50% del fabbisogno generale di acqua sanitaria. Per ciò che riguarda raffreddamento e riscaldamento, le percentuali si calcoleranno in base alla data di rilascio della concessione edilizia ed al fabbisogno totale dell'immobile:    

Dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013 il 20%

Dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016 il 35%

Dal 1 gennaio 2017 il 50%

Fin qui si è argomentato nell'ambito della generazione di energia termica. L'energia elettrica prodotta da fotovoltaico, dal canto suo, dovrà rispettare un parametro di proporzionalità K, fornito dalla legge, che mette in relazione la superficie 'S' a pian terreno della struttura con la potenza erogata da fonti rinnovabili 'P'. Il tutto attraverso la seguente equazione P=S/K.

Dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013 K=80

Dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016 K=65

Dal 1 gennaio 2017 K=50

A tal proposito proporremo una serie di letture, al fine di proporre una gamma, quanto più ampia, di prodotti conformi alle norme.

 

Grazie per l'attenzione_

Login